U.S. Polo Assn. presenta in anteprima alla 83esima edizione di Pitti la collezione Autunno/Inverno 2013/2014

Prossime tappe Berlino e Birmingham

U.S. Polo Assn. sceglie l’83esima edizione di Pitti per la presentazione in anteprima europea della collezione Autunno/Inverno 2013/2014. La nuova collezione, ampia e articolata, è interprete di uno stile casual chic e protagonista di uno spazio espositivo studiato ad hoc, fedele all’autenticità del brand e targato Riccardo Barthel, punto di riferimento fiorentino nel settore dell’arredamento e delle lavorazioni artigianali. Dopo il debutto al Pitti, l’Autunno/Inverno 2013/2014 U.S. Polo Assn. farà tappa al Premium International Fashion Trade Show di Berlino (dal 15 al 17 gennaio) e, a seguire, al fashion trade show Moda di Birmingham (dal 17 al 19 febbraio).

La nuova collezione U.S. Polo Assn. si rivela nella città di New York, nella soffitta di un edificio metropolitano dove i sarti e i disegnatori sono al lavoro per la realizzazione di capi unici. I materiali sono pregiati, morbidi e ricercati e caratterizzati da un universo cromatico in cui domina il gioco a contrasto tra le tonalità tradizionali del brand, come il blu navy e il grey melange, e i colori di tendenza, come il rust e red maple. Capispalla in pelle, piumini in nylon, giacche in cotone trapuntate, maglie in ciniglia a coste e con macro rombi, insieme alle polo e alle felpe in jersey e in piquet, sono gli elementi caratterizzanti della nuova collezione che si distingue per la forte personalità. I total look sono una sintesi di qualità, design, vestibilità e cura dei dettagli ed ogni singolo capo ha caratteristiche uniche.

“U.S. Polo Assn. è partito dall’Italia per poi crescere nei diversi paesi europei – ha dichiarato Lorenzo Nencini, Responsabile del progetto U.S. Polo Assn. abbigliamento – e  fin dall’inizio abbiamo scelto il Pitti come prima tappa di presentazione delle collezioni del brand. Continuiamo ad operare nella medesima direzione e ad avere fiducia nelle potenzialità del nostro Paese, nonostante l’attuale congiuntura economica richieda un forte impegno e un’attenzione particolare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *