MinD MAD in DESIGN TRA DESIGN E PSICHIATRIA

Torino, 9 – 13 marzo 2017
Auditorium Camplus Lingotto, via Nizza 230, Torino

A Torino, dal 9 al 13 marzo 2017, presso il Lingotto, avrà luogo la terza edizione del workshop che coniuga design e disagio psichico ed esplora in modo inedito i luoghi dell’abitare in relazione alle varie forme della fragilità umana.

MinD Mad in Design: il Design come strumento di inclusione sociale
Quando il design si confronta con lo spazio della mente umana, quando supera i limiti della presunta normalità, quando è stimolato dalla necessità del benessere a trovare nuove soluzioni e sa cambiare prospettive e punti di vista, allora il design può diventare “cura” e aprire a nuovi percorsi professionali e di riabilitazione.
MinD – Mad in Design è un progetto didattico e culturale che affronta, nell’ambito della formazione universitaria e dell’inserimento nel mondo del lavoro, il tema del progetto dei luoghi del disagio mentale. MinD nasce da un’idea degli architetti Giulia Mezzalama e Sandra Poletto, della psicologa Elena Varini, ed è promosso da Camplus – Fondazione CEUR (Centro Europeo Università e Ricerca) con Blu Acqua, società attiva nell’ambito della residenzialità psichiatrica, con il sostegno della Compagnia di San Paolo e la collaborazione di istituzioni universitarie e aziende del settore. Articolato in un workshop e una serie di eventi collaterali, MinD sperimenta metodi di lavoro, approcci e soluzioni per un’idea di abitare socialmente inclusivo (www.madindesign.com).

MinD: IL WORKSHOP
Nella prestigiosa sede del Camplus Lingotto di Torino, collegio universitario di merito della Fondazione CEUR, durante quattro giorni di workshop, dal 9 al 13 marzo, 42 studenti universitari provenienti da tutta Italia (delle discipline Design, Architettura, Psicologia, Antropologia, Scienze dell’educazione e affini), insieme a 12 utenti seguiti dai servizi di salute mentale, sperimenteranno nuove soluzioni per un abitare inclusivo. Seguendo un approccio multidisciplinare e olistico, e partendo dai bisogni della residenzialità psichiatrica, sei team di progettazione, guidati da designer professionisti lavoreranno sull’idea di “pausa” come momento di rigenerazione fisiologica e psicologica, come rito, come spazio individuale e di condivisione, ponendo al centro dell’azione di progetto il rapporto tra il benessere della persona e lo spazio progettato. I sei progetti saranno presentati nella giornata conclusiva di lunedì 13 marzo. I designer che collaborano alla terza edizione di MinD sono: Arcangelo Favata, (Alicucio, www.alicucio.com), Natascia Fenoglio (Natascia Fenoglio Edible Design, www.natasciafenoglio.com), Sara Ricciardi (www.sararicciardi.org), Ilaria Scarpellini (UX Pills, www.uxpills.com), Adelaide Testa (Marcante -Testa UdA Architetti, www.marcante-testa.it), Silvio Tidu (yetmatilde, www.yetmatilde.it), Alessia Pagotto, Walter D’Esposito (Sotterranea Officina Sperimentale, www.sotterraneaofficinasperimentale.com).
Il workshop MinD è realizzato grazie alla collaborazione con Università degli Studi di Torino, Istituto d’Arte Applicata e Design di Torino IAAD, Politecnico di Torino, Domus Academy, NABA Nuova Accademia di Belle Arti, alla speciale partecipazione di Eataly, della Fondazione Achille Castiglioni e al contributo degli sponsor tecnici Carioca S.p.A, Ferrino S.p.A, Filz Torino Feltri e Positive Causes.
MinD offre un’esperienza di formazione fortemente inclusiva e interdisciplinare, e l’occasione di impegnarsi in prima linea, mettendo in gioco le proprie competenze e abilità, nel superamento delle barriere del pregiudizio e dell’indifferenza nei confronti delle persone fragili. Partecipare a MinD significa relazionarsi direttamente con una parte della società emarginata, in una dimensione di scambio e ascolto reciproco, per la costruzione di una società più aperta e paritaria.

MinD: GLI ATTORI
da un’idea di
Giulia Mezzalama | Sandra Poletto | Elena Varini

Coordinamento
Susanna Graziano, Fondazione CEUR, s.graziano@camplus.it
Giulia Mezzalama, MinD Mad in Design, g.mezzalama@camplus.it
Sandra Poletto, Fondazione CEUR, s.poletto@camplus.it
Elena Varini, Blu Acqua srl, varinielenaddu@gmail.com

Comitato scientifico
Gianfranco Arione, Architetto, Studio Archedis Architettura e Disabilità
Cristian Campagnaro, Professore Associato, Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design
Cristina Mosso, Professore Associato, Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Psicologia
Elisabetta Torchio, Psicologa Psicoterapeuta, ASL Città di Torino
Amelia Valletta, Course Leader, Domus Academy Milan
Vered Zaykovsky, Designer e Senior Lecturer, NABA Nuova Accademia Belle Arti, Milano
e con
Giovanna Castiglioni, Fondazione Achille Castiglioni

Project leaders
Arcangelo Favata, Alicucio, www.alicucio.com
Natascia Fenoglio, Natascia Fenoglio Edible Design, www.natasciafenoglio.com
Sara Ricciardi, www.sararicciardi.org
Ilaria Scarpellini, UX Pills, www.uxpills.com
Adelaide Testa, Marcante -Testa UdA Architetti, www.marcante-testa.it
Silvio Tidu, yetmatilde, www.yetmatilde.it
e con
Alessia Pagotto, Walter D’Esposito, Sotterranea Officina Sperimentale, www.sotterraneaofficinasperimentale.com

In collaborazione con
Dipartimento di Architettura e Design, Politecnico di Torino
Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, Università degli Studi di Torino
Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino
Domus Academy, Milano
Fondazione Achille Castiglioni
Istituto d’Arte Applicata e Design IAAD di Torino
NABA Nuova Accademia di Belle Arti, Milano
e con
Il Bandolo Onlus, www.ilbandolo.org
Cooperativa Sociale Nazareno, www.nazareno-coopsociale.it