Il designer Patrick Norguet con Ethimo a I Saloni 2014

knit_drowingAperto a stimoli e contaminazioni globali, Ethimo ha avviato una collaborazione con designer italiani e internazionali, progettisti affermati o emergenti che possano contribuire a scrivere nuove pagine della storia dell’azienda.

Il positivo riscontro del mercato e i risultati, ottenuti attraverso questa partecipazione corale alla costruzione di un’identità e di un trascorso ancora più ricco e avvincente, hanno validato il percorso intrapreso da Ethimo e alimentato il progetto di nuove collaborazioni anche nel 2014.
Il designer francese Patrick Norguet, che ha al suo attivo numerose collaborazioni con aziende di livello internazionale, sarà presente con Ethimo alla prossima edizione de ‘I Saloni’ con la collezione Knit. Patrick Norguet è nato nel 1969, si è laureato alla scuola di disegno industriale di Parigi e ha aperto il proprio studio nel 2000, sempre a Parigi.
Dal suo senso per il colore, dalla purezza delle forme, dalla continua ricerca del comfort nasce la collezione Knit: un ‘melange’ di materiali, una serie di tavoli e sedute in cui emerge un perfetto equilibrio fra il senso estetico del designer ed il ‘saper fare’ di Ethimo.
I tavoli e le strutture delle sedie sono in teak, eleganti e al contempo robuste, mentre la seduta è in corda intrecciata accogliente e confortevole.
Materiali naturali, colori minerali, tavoli e sedute perfetti per terrazze, giardini ed ambienti indoor.

Al di là del semplice tratto formale e dell’eleganza plastica, Patrick Norguet ama cimentarsi con i laboratori e gli artigiani, decifra le tecniche e i processi, sempre guidato da una profonda passione per l’innovazione.

La scelta di avvalersi della creatività del designer francese è stata influenzata dalla sua capacità di abbinare alla profonda conoscenza dei materiali e dei processi, una ricerca di intuizioni ed emozioni che rendono unico ogni progetto.

Un segnale di continuità forte, un desiderio di coinvolgere personalità diverse ma che abbiano un comune dna e un approccio integrato al progetto che metta al primo posto il rapporto di ciascun oggetto con lo spazio circostante.