DAKS Menswear Primavera-Estate 2014

E’ il 1930 circa, quando le vacanze al mare sono ancora un privilegio di pochi, pochissimi.
Un gentiluomo Inglese, elegante nell’anima come nella maniera, sicuramente un aristocratico, uno scrittore, un compositore, forse un poeta, parte per un esclusivo luogo di villeggiatura.
Porta con se bagagli ed abiti che evocano subito un’atmosfera flemmatica e rarefatta, quasi cinematografica, di quando il tempo scorreva lento e si passeggiava, vestiti impeccabilmente, lungo il bagnasciuga di Deauville o seduti sulle terrazze fiorite di ortensie bianche dell’ Hotel des Bains.

Gli abiti doppiopetto sono importanti con giacche leggermente lunghe, sia in piquet bianco che in pregiate lane inglesi, pettinate grigie e nere. Una sofisticata tonalità di verde polveroso ricorda il mare nei tardi pomeriggi di inizio estate mentre l’immancabile House Check torna a rappresentare il British Heritage del brand. Giochi grafici in bianco, nero e grigio lasciano intravedere l’aspetto ludico e disincantato che la vacanza, per sua natura, prevede.
Le minute fantasie dei tessuti da cravatteria si ritrovano sia sulle camicie che sulle giacche e sui pantaloni, i quali in questa collezione si sviluppano nelle due vestibilità più British: un modello più asciutto e stretto ed un altro più largo, a vita alta, con le pinces e col caratteristico “self support trousers” ideato da DAKS nel 1934.
La maglieria, come sempre nelle collezioni DAKS, ha uno spazio importante. Realizzata in fibre nobili quali cashmere, seta e cotone, attinge nei suoi disegni in modo preciso e dettagliato all’epoca a cui si ispira la collezione.

L’eccentricità che accompagna lo stile Inglese è questa volta rappresentata da alcuni capi iconici realizzati in spugna bianca, come ad esempio lo smoking da indossare con disinvoltura e leggerezza, direttamente sulla pelle.
Come sempre sono importanti gli accessori, soprattutto le borse, in armonia cromatica con la collezione, realizzate in pellami pregiati e lussuosi come coccodrillo e lo struzzo. Quest’ultimo si ritrova in particolare anche in alcuni dettagli dei trench costruiti con il classico tessuto inglese Mackintosh.
Le camicie, sempre a manica lunga e sempre accuratamente abbottonate con i gemelli lucidi, insieme al panama, i guanti, le bretelle e l’anello al mignolo, rappresentano quel sofisticato uomo Inglese che non  concede approssimazioni né a se stesso né al suo look, se non in leggerissimi accenni di calcolata ironia che da sempre hanno indicato la strada dell’eleganza. Quella vera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *