CoeLux® a Euroluce 2017: l’evoluzione del sole indoor è già realtà


Al Salone Internazionale dell’Illuminazione CoeLux presenta CoeLux® ST (Sky Tales), la nuova serie di finestre high-tech dalle dimensioni più compatte

CoeLux®, la prima tecnologia tutta italiana in grado di riprodurre nell’architettura indoor i meccanismi e i fenomeni ottici del sole e del cielo, portando i benefici della luce solare anche dove il sole non splende, sarà presente a Euroluce a Rho Fiera all’interno del Padiglione 15, stand E44.

Dopo il lancio nel 2014 dei modelli High-End (CoeLux® 45 HC, CoeLux® 45 LC, CoeLux® SQUARE e CoeLux® 60), CoeLux® sarà al Salone Internazionale dell’Illuminazione con molte novità, tra cui la generazione CoeLux® ST (Sky Tales) nelle tre versioni – CoeLux® ST NAOS, CoeLux® ST TIVANO e CoeLux® ST IBLA – anche con funzione dimmer. La nuova linea ST ha dimensioni più compatte per adattarsi meglio a diversi contesti applicativi e propone una visione mediata, anziché diretta, del sole e del cielo.

Grazie alla sua tecnologia a LED e nanotecnologie questi rivoluzionari sistemi d’illuminazione riproducono l’effetto benefico della luce calda del sole con quella azzurra e diffusa del cielo ricreando indoor luci, forme e volumi tipici dell’outdoor per una nuova dimensione dello spazio architettonico. L’esperienza sensoriale ed emozionale della tecnologia CoeLux® permette di non interrompere il dialogo naturale, fisico e chimico con il benessere del sole anche all’interno di ambienti ciechi o ipogei o in condizioni atmosferiche avverse.

Dal loro esordio i sistemi CoeLux® sono installati in strutture alberghiere, uffici, centri benessere, musei, ospedali, abitazioni, ascensori e metropolitane (www.coelux.com).

La gamma CoeLux® ST
Come gli altri sistemi High-End, anche CoeLux® ST opera grazie alla combinazione di tre elementi fondamentali: un sistema LED di ultimissima generazione che riproduce lo spettro della luce solare, un sofisticato sistema ottico che crea il senso di profondità e materiali nanostrutturati in grado in pochi millimetri di realizzare i processi di diffusione di Rayleigh che producono la luce e il colore del cielo nell’atmosfera.
Rispetto alla precedente generazione, CoeLux® ST non consente di vedere direttamente il disco solare. I raggi del sole raggiungono l’occhio dopo essere stati riflessi, diffusi, rifratti e diffratti dalle diverse lamelle proposte, simulando l’interazione della luce solare con nuvole, acqua, fogliame, neve, ecc.